Apio e la tua casa diventa Intelligente

Oggi, durante la seconda lezione del progetto Classe Virtuale del Gruppo Loccioni, ho avuto il piacere di conoscere Apio. Questa startup, fondata da dei ragazzi giovanissimi (io mi sentivo veramente vecchio!), è nata dalla voglia di facilitare il mondo dei makers nel loro processo di progettazione di dispositivi connessi a Internet. L’intento è quello di consentire la creazione della propria rete di nodi in 5 minuti e senza grandi sforzi!

Apio ha lanciato sul mercato dei moduli veramente interessanti che consentono di connettere,  attraverso un protocollo basato su IEEE 802.15.4, gli oggetti di una casa, come ad esempio un vaso, una tenda, una luce e molto altro, tra di loro e su internet permettendo di gestire la casa direttamente dallo smartphone o da qualsiasi dispositivo sia in grado di navigare in un browser. I moduli che attualmente hanno in produzione sono due:

  • Il Dongle che funge da gateway per l’intera rete e può tranquillamente essere integrato e connesso con un PC, una beaglebone o una RaspberryPI, tramite un connettore USB. Questo modulo fa da tramite tra l’applicazione e/o un web server e tutti i nodi della rete.
  • Il General, che ha lo stesso form factor del dongle, è il nodo della rete ed anche lei integra al suo interno il microcontrollore per la gestione dei nodo (ha lo stesso microcontrollore di Arduino Mega) e il canale di comunicazione. Il general permette di gestire a proprio piacimento il dispositivo che si vuole controllare.

Oltre ai due moduli, il team ha sviluppato Apio OS,  che permette di gestire la propria rete attraverso un dongle ed un PC, ed Apio SDK che è il framework che l’utente può utilizzare per creare un nuovo nodo.

Insomma le premesse sono buone e non vedo l’ora di metterci le mani!