Progetti per il 2016

Ciao a tutti,

è veramente troppo tempo che non scrivo e quindi è giunto il momento di raccontarvi quali sono i piani per il 2016! Le idee nella mia testa sono veramente tante, forse troppe e probabilmente non tutte arriveranno a compimento alla fine di questo anno!

Inizio dal progetto che deve assolutamente vedere la luce il prima possibile, soprattutto perché lo voglio usare a lavoro: la nuova versione del LabOrTool. Il LabOrTool attualmente è un’applicazione desktop scritta in QT che ha lo scopo di aiutare un reparto/azienda di progettazione e produzione di schede elettroniche a gestire e pianificare le varie commesse. Attualmente sto usando con successo il software all’interno della Progettazione Elettronica del Gruppo Loccioni, ma ha bisogno di qualcosa in più! Ecco una lista delle cose da fare (in ordine di priorità):

  • Il primo passo è la trasformazione del metodo di comunicazione con il database che attualmente viene interpellato direttamente dall’applicazione anche se questo è remoto. Il metodo non è sicuro ed inoltre richiede che i driver del database vengano compilati per ogni sistema operativo dove il LabOrTool viene usato. Proprio per questo ho deciso di implementare una web api RESTFul che si interponesse tra l’applicazione ed il database rendendo l’applicazione crossplatform. Questo passo è stato fatto anche nella prospettiva di creare una versione completamente web dell’applicazione.
  • Nel nostro reparto abbiamo notato la necessità di standardizzare i componenti utilizzati nei vari progetti per evitare che il magazzino crescesse a dismisura. Per far ciò è necessario avere qualcosa che analizzi le BOM dei progetti già sviluppati e che verranno sviluppati, storicizzi i componenti usati e permetta una facile ricerca dei componenti quando si sta per sviluppare un nuovo progetto. Un’interessante feature da inserire potrebbe essere il salvataggio della locazione, all’interno del magazzino, del singolo componente, in maniera da renderlo facilmente rintracciabile.
  • Abbinato al task precedente c’è la gestione delle singole schede, con le relative revisioni e versioni.
  • Come ultima caratteristica che vorrei aggiungere a questa versione è la possibilità di tracciare i progetti a più alto livello: spesso capita che un progetto è composto da più schede, quindi tutte le informazioni dovrebbero essere centralizzate, dai report delle varie riunioni, alle specifiche, ai risultati e via dicendo. Sarebbe auspicabile anche una generazione in PDF dei vari file, magari attraverso Latex.

Sulla scia di questo progetto e cercando di riusare più codice possibile vorrei creare un gestionale per la casa, cioè un software che mi permetta di tenere sotto controllo tutte le spese, i mutui, le carte di credito, le bollette, l’affitto… insomma vorrei rendere più semplice tutti i conticini che si fanno a fine mese per “far quadrare i conti“. Ancora non gli ho dato un nome, ma se avete proposte sono tutto orecchie!

Altro software o applicazione web di utilità familiare è un piccolissimo gestionale per la contabilità del mio Architetto di casa. Qui le idee non sono chiare per niente… vedremo cosa mi chiederà il mio cliente!! 😀

Passiamo ora ai progetti hardware! Questi sono veramente troppi!

Il primo progetto è il Tech GreenHouse Node e il Tech Garden System di cui vi avevo già accennato qualcosa in questo articolo.  Per quanto riguarda  il Tech GreenHouse Node, a cui vorrei dare priorità, si tratta di un piccolo sistema basato su microcontrollore che sia in grado di gestire una piccola serra in maniera automatica e indipendente (devo farci crescere le mie fragole!!). Il nodo  deve occuparsi di misurare il clima all’interno della serra, gestire l’irrigazione e gestire i motori che movimentano le porte per arieggiare nel caso servisse. Tutti i dati devono essere inviati ad un server via WiFi che mette a disposizione un’interfaccia RESTFul. Il Tech Garden System segue la stessa filosofia del nodo per la serra, ma vorrei replicarlo in grande per il mio orto, permettendo così una gestione accurata dell’irrigazione e per un monitoraggio continuo di tutte le piante.

Un progetto che non può andare oltre l’8 dicembre 2016 è il Presepe Tecnologico… sono anni che mi riprometto di fare un presepe completamente elettronico, ma ho sempre rimandato! Gli obiettivi sono:

  • gestione del giorno e della notte tramite LED RGB e motori stepper per il movimento,
  • stella cometa in movimento sempre con dei motori stepper,
  • alba e tramonto
  • illuminazione a LED di alcuni particolari
  • inserimento del fuoco
  • e se si riesce,  magari anche un bel ruscello!

L’ultimo progetto hardware che vorrei concludere entro quest’anno l’ho denominato qualche tempo fa BlinkWord4Truck. Come si può capire dal nome è una classica scritta luminosa per camion. I camion, ed in generale i motori, non sono la mia passione, ma avendo un padre ed un fratello camionisti non ho avuto scampo. La prima versione di questo progetto l’ho realizzata nel 2012 con Arduino ed è quella che il mio piccolo Alessandro maneggia nel video:

Visto che questa versione non funziona benissimo vista l’instabilità con cui ho fissato i LED dietro alla mascherina, ho deciso di regalarne una nuova nuova a mio fratello, con lettere RGB, LED SMD, infiniti giochi di luce e qualsiasi altra cosa mi viene in mente!!

In questo post ho messo tutti gli obiettivi open source e open hardware personali che ho per il 2016, e spero di non fallirne nemmeno uno! A tutto questo va aggiunto il proseguo delle attività dell’OHILab, ma magari di questo ne parliamo la prossima volta!

Buon 2016!!